LA NOSTRA STORIA

La prima immagine del Fenilon, allora chiamato “Fenile” risale al 1564. Esso era il più importante edificio di un complesso produttivo legato all’allevamento, e dominava un’ampia zona a prato chiamata i “Pascoli delli Loredani”, proprietà indivisa tra le nobili famiglie dei Loredan e dei Badoer, famosi anche per aver voluto l’omonima villa costruita da Andrea Palladio attorno al 1556. 

Alla fine del Cinquecento il Fenilon passò completamente alla famiglia Badoer, e formò così un’unica proprietà; essa rimase indivisa fino al 1964, quando Villa Badoer venne venduta all’Ente Regionale Ville Venete, che a sua volta la cedette alla Provincia di Rovigo, mentre il Fenilon e la sua corte appartengono ancora agli ultimi proprietari del complesso.

 

Iseppo Pontoni e Francesco Trevisi,  Mappa del territorio a nord del Canal Bianco, 1564, A.S. Ve., Beni Inculti, Padova - Polesine, rotolo 398 ter, mazzo 49, disegno 9, particolare dell'area del Fenilon.

 

 

1775, Catastico, proprietà privata.

 

 

Vista attuale della proprietà